San Domenico - Erice

Dalle certezze dogmatiche del tardo medioevo al fascino interrogativo delle scienze geo-fisiche.

La chiesa già esistente nel 1486, è oggi uno degli edifici ericini che fanno capo al Centro Internazionale di Cultura Scientifica Ettore Majorana dove fisici e studiosi di tutto il mondo si riuniscono in convegno.

La chiesa già esistente nel 1486, fu donata ai frati predicatori  domenicani  che a partire dal 1595 fino al 1621 ampliarono l'antica piccola chiesa di San Michele. La facciata presenta un portale quattrocentesco, arricchito da un pronao d’ispirazione rinascimentale aggiunto nel 1862. La volta in travi di legno fu interamente coperta e ornata di stucchi a cassettoni ed arabeschi, le colonne diventarono pilastri con capitelli di ordine corinzio, l'altare maggiore fu decorato a stucco. Se l'esterno è rimasto immutato, l’interno ha invece subito diversi rimaneggiamenti per adeguarlo alle esigenze dell’ente che lo gestisce attualmente. Infatti è uno degli edifici  ericini che oggi fanno capo  al Centro Internazionale di Cultura Scientifica Ettore Majorana dove fisici e studiosi di tutto il mondo si riuniscono in convegno. L'edificio a pianta rettangolare e sormontato da un pronao quadrato oggi è adibito a sala conferenze. Al suo interno è stata ricavata un'aula a gradoni con lunghi banchi in legno chiaro e sedute, laddove la zona presbiteriale è occupata da una cattedra in calcestruzzo a faccia vista. Il grande ambiente del terzo livello ha capriate in legno e tre gradoni rivolti verso una grande apertura data dall'assenza della parete orientale e con vista sul paesaggio.

 

POSIZIONE SULLA MAPPA: