San Liberale

Intitolata al Santo Protettore dei pescatori di corallo, fu edificata nei primi anni del XVII secolo.

A picco sul mare, la chiesa è intitolata al Santo protettore dei pescatori di corallo, che ne vollero la costruzione nei primi anni del XVII sec.: avendo rinvenuto una grande quantità di corallo nelle acque cartaginesi in cui si erano spinti, i pescatori attribuirono il merito dell'accaduto al Santo, che in quelle acque era stato trucidato. All'esterno è costruita in tufo; gli interni sono stati modificati. La chiesa rimane aperta al culto.

Particolarmente suggestiva, la chiesa sorge tra largo delle Sirene e la Torre di Ligny  e poggia le propria fondamenta sugli ultimi scogli di questa punta sulla costa occidentale siciliana. La sua composta e sobria facciata si trasforma insieme allo straordinario paesaggio circostante nei giorni di bonaccia illuminata da una luce vivida e pulita e. dai raggi che si rifrangono sullo specchio d'aqua che la circonda ed in quelli di mare mosso con le onde che raggiungono le sue pareti incorniciandola di schizzi salmastri. I pescatori di corallo vollero in quel punto una loro chiesa che ricordasse il sacrificio di uno di loro. Liberale infatti, era un pescatore di corallo che soccombette ai pirati saraceni davanti ai propri compagni nel giorno in cui ci fu una pesca miracolosa che risollevò l'economia della città. Il martire non fu mai canonizzato santo ma fu considerato tale dai suoi stessi contemporanei ed in seguito.

POSIZIONE SULLA MAPPA:

Cosa vedere

PARCHI E RISERVE, CHIESE E MONUMENTI, PAESI E PAESAGGI