San Domenico

Risalente alla fine del XIII secolo, la Chiesa di San Domenico sorge sull'unica collinetta della città.

La chiesa di San Domenico è una delle più antiche chiese di Trapani . Sorse nel punto più alto del centro storico della città, per concessione di Giacomo d’Aragona, nel 1289 . La cappella originaria venne ampliata nei primi decenni del XIV secolo, con la creazione anche di un convento. La nuova chiesa venne inizialmente dedicata a Santa Maria La Nova.

La chiesa di San Domenico è una delle più antiche chiese di Trapani . Sorse nel punto più alto del centro storico della città, per concessione di Giacomo d’Aragona, nel 1289 . La cappella originaria venne ampliata nei primi decenni del XIV secolo, con la creazione anche di un convento. La nuova chiesa venne inizialmente dedicata a Santa Maria La Nova. Nel 1318 venne creata una cappella funeraria in cui sarebbe stato sepolto Manfredi , figlio di Federico III d'Aragona , morto bambino a Trapani cadendo da cavallo.
 La facciata conserva la cornice del rosone trecentesco gotico chiaramontano. Della struttura originaria della chiesa, a navata unica con dieci cappelle laterali, resta anche l’abside mentre  la torre campanaria risale probabilmente ai primi del Quattrocento. Il convento ha due chiostri, uno quadriportico e l’altro porticato su due lati. Tra l'abside e il campanile si trova la Cappella dei crociati, con affreschi del XIV e XV secolo. Nel XVIII secolo venne aggiunta una cappella barocca a marmi policromi, opera di Giovanni Biagio Amico , detta del Crocifisso, per custodirvi la statua di Cristo in croce, del XIII secolo. All’interno sono custoditi: un dipinto su tela del XVII sec. raffigurante San Pietro martire, di Andrea Carreca , un affresco trecentesco di Santa Maria La Nova, nella navata sinistra della chiesa e l'opera lignea del SS.mo Crocifisso risalente alla seconda metà del trecento.

POSIZIONE SULLA MAPPA:

Cosa vedere

PARCHI E RISERVE, CHIESE E MONUMENTI, PAESI E PAESAGGI